Il Parlamento europeo vuole che l’Unione europea imponga il concetto di diritti riproduttivi e sessuali a tutti gli Stati membri e limiti il diritto di parola contro questa controversa questione!

 

Si tratta di un attacco ai diritti umani fondamentali, compresa la libertà di parola, la protezione della vita e la sovranità degli Stati membri.

In pratica, si tratta di riconoscere che rivendicazioni controverse come l’aborto su richiesta anche per i minori o l’educazione sessuale forzata nella sua forma più permissiva sono diritti umani. Diritti che devono essere riconosciuti e attuati anche da tutti gli Stati membri dell’UE.

Opponetevi alla concentrazione non autorizzata di potere da parte del superstato dell’UE!

In conseguenza di queste misure, invece di rimanere una comunità di Stati sovrani, l’Unione Europea può trasformarsi in un superstato che si impadronisce di poteri che non gli sono stati conferiti dai trattati  per imporre soluzioni radicali e ideologiche agli Stati membri.

Nel 2014, grazie all’opposizione della società civile, è stato possibile respingere l’adozione del controverso “Rapporto Estrela” da parte del Parlamento Europeo. Il rapporto mirava a introdurre i concetti di diritti riproduttivi e sessuali e il cosiddetto “diritto all’aborto” nella lingua ufficiale dell’UE. Oggi, nonostante l’opposizione così chiaramente espressa allora, dobbiamo affrontare un’altra minaccia di introdurre questi concetti radicali nell’Unione europea!

Sebbene le risoluzioni non siano norme vincolanti, esercitano pressioni su tutti gli stati che proteggono la vita, la famiglia ei diritti dei bambini.

Non possiamo permettere che ciò accada!

Difendiamo il nostro diritto di decidere su noi stessi!

I trattati in base ai quali l’Unione europea dovrebbe operare indicano chiaramente che l’Unione europea non ha l’autorità per interferire nelle politiche sanitarie degli Stati membri. Ed è proprio in questo ambito che ricadono i diritti relativi alla salute procreativa e sessuale.

La mancanza di autorità dell’Unione europea di interferire nelle politiche sanitarie degli Stati membri è stata più volte confermata dalla stessa Commissione europea.

I paesi hanno aderito all’Unione europea come una comunità di stati uguali, sovrani e diversi. Una comunità basata sui principi di sussidiarietà dell’Unione e di rispetto delle competenze esclusive di ciascuno Stato.

Opponetevi all’usurpazione del potere da parte del Parlamento Europeo!

Al fine di proteggere questi valori, così come i diritti umani fondamentali che vengono minati dal concetto di “diritti riproduttivi e sessuali”, ti invitiamo a firmare una petizione ai membri del Parlamento europeo.

Cittadini, i deputati al Parlamento europeo che ci rappresentano devono sapere che la società civile non consente l’imposizione di un concetto ideologico di “diritti riproduttivi e sessuali” né l’ingerenza nei poteri degli Stati membri riservati dai trattati agli Stati.

Onorevoli deputati al Parlamento europeo,

 

È con grande preoccupazione che abbiamo appreso dell’approvazione della relazione sui diritti sessuali e riproduttivi presentata al Parlamento europeo dall’eurodeputato Predrag Fred Matic avvenuta l’11 maggio 2021 da parte della commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere.

Ciò significa che l’intero Parlamento europeo voterà presto su questa relazione e potrebbe approvare una risoluzione che veicola richieste estremamente radicali.

Una discussione su questi documenti non dovrebbe nemmeno essere considerata nella sede del Parlamento europeo in quanto, in base ai Trattati, la salute e gli affari familiari sono affidati alla competenza degli Stati membri.

In primo luogo, ai sensi dell’articolo 6 e dell’articolo 168 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, la questione della salute sessuale e riproduttiva rientra nell’ambito della politica sanitaria nazionale, rispetto alla quale l’UE deve rispettare il principio di sussidiarietà e non può cercare di armonizzare le norme in tutti gli Stati membri. La mancanza di autorità dell’Unione Europea nelle politiche sanitarie degli Stati membri è stata più volte confermata dalla stessa Commissione Europea.

In secondo luogo, la relazione e la bozza della risoluzione attaccano senza precedenti i diritti umani e le libertà universali come diritto all’autocoscienza e alla libertà di parola. Entrambi i documenti considerano arbitrariamente l’opposizione al concetto di “diritti riproduttivi e sessuali” come anti-democratica e invitano a limitare il diritto all’espressione di tale opposizione. Tale atteggiamento è in netto conflitto con i valori fondamentali dell’integrazione europea, della democrazia e della civiltà europea.

In terzo luogo, entrambi i documenti travisano il concetto di “diritti riproduttivi e sessuali” come se ci fosse un obbligo internazionale vincolante e legato ai diritti umani. In particolare, è discutibile che sia il rapporto che la bozza di risoluzione chiedano agli Stati membri di fornire l’accesso all’aborto come “diritto umano”, ignorando completamente l’opposizione internazionale in corso contro il riconoscimento dell’aborto come “diritto umano”. Inoltre, ignora l’ampio disaccordo sull’introduzione della frase “diritti riproduttivi e sessuali” nei documenti legali internazionali. Allo stesso tempo, fa riferimento al documento finale del Vertice di Nairobi, il cui contenuto ha incontrato la ferma disapprovazione di decine di Stati.

Pertanto, rivolgo un forte appello a tutti voi, all’intero Parlamento europeo, al rispetto delle disposizioni dei Trattati, del diritto degli Stati membri e della volontà dei cittadini che esso rappresenta. Vi chiedo di respingere questa relazione non appena sarà votata al Parlamento europeo, poiché indubbiamente supera la portata dei poteri concessi all’Unione europea.

L’adozione della relazione nella sua formulazione attuale, preparata dall’eurodeputato Predrag Fred Matic, costituirebbe un palese abuso dei poteri conferiti all’UE dai trattati e una violazione dei diritti degli Stati membri sovrani di legiferare secondo la volontà del persone.

Cordiali saluti,

Cittadini dell’Unione Europea

Coalizione contro il Rapporto Matic

Simona Baldassarre

Member of the European Parliament

Italy

Margarita de la Pisa Carrión

Member of the European Parliament

Spain

Anna Zaborska

Member of Parliament

Slovakia

Ivan Štefanec

Member of the European Parliament

Slovakia

Joachim Kuhs

Member of the European Parliament

Germany

Nicolaus Fest

Member of the European Parliament

Germany

Jaak Madison

Member of the European Parliament

Estonia

Patryk Jaki

Member of the European Parliament

Poland

Jörg Meuthen

Member of the European Parliament

Germany

Marriage, Sex and Culture Group

United Kingdom

March for Family National Association

България

Aliance pro rodinu

Česko

Tradiční rodina z. s.

Česko

Femina Europa

France

Espana – Navarra Confidencial

España

One of Us Nederland

Nederland

Aktionsbündnis für Ehe & Familie – DemoFürAlle

Deutschland

Asociația PRO VITA București

România

Pro-Life Action

Slovensko

Association for Life and Family

Slovensko

Center for Fundamental Rights

Magyarország

Pro Vita & Famiglia

Italia

Aktion Lebensrecht für Alle, ALfA e.V.

Deutschland

Jugend für das Leben e.V. (Youth for Life Germany)

Deutschland

Centrum Życia i Rodziny (The Center for Life and Family)

Polska

Federación Española de Asociaciones Próvida

España

European Federation One of Us

Europe